Trasferisci l’azienda all’Estero e Abbatti la Tassazione

17 Aprile 2017

In questo report scoprirai perché i tuoi problemi di riduzione del margine di profitto dipendono principalmente dalla tassazione italiana e perché devi portare la tua azienda all’estero il prima possibile… prima che la barca affondi.

azienda estero tassazione

Sei un imprenditore, un professionista o un trader che ha la propria attività principale in Italia e sei stanco di pagare le imposte sul reddito di impresa e sul capital gain più alti d’Europa.

Hai ereditato l’attività da tuo padre, l’hai fondata tu con enormi sforzi, oppure hai avviato la tua attività di trading a partire da zero.

Non importa a quale categoria appartieni e come hai tirato su la tua attività, ma una cosa ti accomuna a tutte queste figure: è il fatto che non riesci più a vivere serenamente in Italia a causa della imponente tassazione italiana e alla burocrazia elefantiaca. Se fai parte di queste categorie ti sei accorto da solo di non riuscire più a lavorare serenamente con la tua azienda.

Non mi fraintendere, so bene che il lavoro non manca, le commesse arrivano e i clienti sono soddisfatti. Ma tutto questo avviene grazie a te che sei un grande imprenditore, un abile professionista, un uomo e che si fa in quattro per il successo proprio e per il benessere della propria famiglia.

Ma tutto ciò non basta, perché alla fine del mese sembra che i soldi non bastino mai. Le spese sono tante e non riesci a capire dove vadano a finire i soldi.

La tua dedizione ti porta a lavorare anche il sabato e la domenica. Il tuo amore per l’azienda ti fa lavorare anche la sera mentre i tuoi amici, lavoratori impiegati, restano spaparanzati sul divano o sono all’apericena del venerdì sera.

Tu invece sei con la testa china sul computer, a scrivere, leggere, imparare, parlare, studiare, risolvere e via dicendo. Eppure tutto ciò sembra non bastare mai. Infatti a fronte di questi tuoi enormi sforzi c’è uno Stato che ogni anno ti chiede il conto. Secondo gli esperti il carico fiscale sull’azienda si aggira intorno ai ⅔ dell’intero fatturato. In più si aggiunga il l’imposta sul capital gain del 26% e infine l’imposta sul reddito personale che arriva al 50%.

Mentre al dipendente statale resta il 60% del reddito lordo, viceversa all’imprenditore o professionista resta solo il 37% del reddito lordo. Non era meglio lavorare come postino e il week end non pensare più a nulla?

Questo significa che tutte questi aperitivi persi, tutte le volte che hai rinunciato a riposarti, giocare coi tuoi figli, portare la tua compagna a cena fuori o farti un week end alle terme hai lavorato per pagare lo stipendio ai nostri politici e ai burocrati di Stato.

consulenza personalizzata banner 1

I tuoi sacrifici sono serviti per due cose principalmente:

  • Pagare le vacanze e le case ai nostri politici e burocrati di Stato
  • Pagare l’istruzione a Harvard ai figli dei politici e dei burocrati di Stato

Così mentre i tuoi figli si prendono ⅓ del tuo fatturato, i figli di questi signori si pappano i ⅔. Alla fine della storia i loro figli saranno più istruiti con lauree nelle migliori università americane, pagate con gli stipendi d’oro, e i tuoi figli dovranno prendere ordini dai nuovi dirigenti degli apparati pubblici. Mi ricorda la servitù della gleba.

[amazon_link asins=’1983562858′ template=’ProductAd’ store=’fotiam-21′ marketplace=’IT’ link_id=’ee930498-0a6f-11e8-812d-7beb8c19c07d’]E’ così che andranno le cose. Sei un servo alle loro dipendenze e i tuoi figli saranno servi a loro volta!

Mentre i tuoi competitor europei bruciano le tappe grazie a imposizioni fiscali più contenute e a servizi e infrastrutture eccellenti tu sei costretto a lavorare il triplo con la metà dei loro risultati. Mentre le loro connessioni internet girano a velocità incredibili noi vediamo la connessione crollare ogni due ore.

Se oggi vuoi tenere testa alla competizione di un tedesco, di un olandese o perfino di un rumeno devi lavorare il doppio per ottenere gli stessi risultati.

Mentre i loro politici promuovono riduzioni fiscali, proteggono l’industria nazionale con investimenti nelle infrastrutture e nei servizi, i nostri governanti lasciano cadere il paese nel declino.

Eppure ci sono Paesi nel mondo che sono disposti ad accogliere la tua azienda e la tua intelligenza a braccia aperte. Sono disposti a farti pagare ¼ di imposte e di darti agevolazioni molto generose. Inoltre in molti paesi con un debito pubblico ridotto e con una tassazione ridicola i prezzi al consumo sono molto più bassi di quelli italiani: Questo vuol dire che in tali paesi le merci e gli stipendi costano sensibilmente di meno.

Fai due più due: tasse basse, merci meno costose e agevolazioni statali. E’ in questo contesto che lavorano i tuoi competitor europei. Non c’è competizione, ti schiacciano a mani basse!

Trasferire l’azienda all’Estero è la soluzione ai tuoi problemi

Per esempio oggi la Romania ha una velocità di connessione doppia rispetto all’Italia. La Romania, che fino a ieri sembrava in via di sviluppo, ci sta superando grazie ad un debito pubblico ridotto e a una tassazione risibile.

Ci sono numerosi paesi in Europa che sarebbero disposti a fare i salti di gioia per avere la tua azienda o la tua attività professionale. Oggi la Bulgaria invita gli imprenditori stranieri a stabilirsi sul suo territorio offrendo vantaggi inimmaginabili. Qui c’è la tassazione sul reddito d’impresa e sulle persone fisiche più bassa d’Europa in assoluto. C’è praticamente una flat tax del 10% su tutto (imposta sul reddito di impresa, imposta sul reddito personale e capital gain).

Altri paesi, sebbene non godano di grande stima da parte degli italiani (è difficile trovare un paese estero che gli italiani non sottostimano) sono in grande crescita economica e offrono condizioni ottimali per  l’azienda italiana. In uno dei miei ultimi viaggi a Tirana (Albania) ho notato l’incremento di aziende italiane. L’ambiente è molto promettente perché gli albanesi sono molto cordiali, parlano italiano, i prezzi al consumo sono tra i più bassi d’Europa e hanno una tassazione molto bassa.

Ma esistono anche nuovi paesi emergenti semisconosciuti ai più, dove alcuni miei clienti hanno incorporato l’azienda. La Moldavia è un esempio. Molti moldavi vengono in Italia perché l’italiano è molto simile alla loro lingua (rumeno), quindi anche l’inverso è possibile. Inoltre la Moldavia ha una tassazione molto bassa e una grande crescita economica.

Ma esistono anche soluzioni alternative come i sistemi fiscali che uniscono 2 o tre paesi. Il nostro studio ha realizzato un sistema fiscale (attualmente il più efficiente al mondo per i piccoli e medi business europei) che comprende 3 isole e che è in grado di abbattere le imposte del 100% in maniera del tutto legale. Sfrutta alcuni nuovi principi del diritto internazionale in materia tributaria che solo gli studi più accreditati conoscono. Il 3 Islands System© permette al tuo business di prendere il volo e di conservare i clienti in Italia.

Come vedi le possibilità non mancano e tutto quello che devi fare è di abbandonare questo paese che ti stritola e cercarne uno che ti agevoli. Per quanto anche io sia affezionato all’Italia non c’è alternativa. Se vuoi bene alla tua famiglia e alla tua impresa (quindi a te stesso) non hai strade differenti da intraprendere.

Se vuoi raggiungere il successo che meritano i tuoi sforzi allora devi trasferire l’azienda all’estero in un paese dove la tassazione sia giusta ed equa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp

Luca Taglialatela

Dottore commercialista e tributarista internazionale, creatore di Trasferimento Sicuro, il primo blog dedicato ai trasferimenti di residenza fiscale dall’Italia verso l’estero e Tax Planning Internazionale, il primo blog che insegna agli imprenditori come risparmiare fiscalmente sull’attività della propria azienda grazie al tax planning internazionale.

Leggi Anche:

Iscriviti alla Newsletter

Iscrivendoti alla nostra Newsletter potrai scaricare gratuitamente la guida di Tax Planning Internazionale! Il manuale con le regole base per aprire una società offshore!